AGRITURISMO PODERE BENELLI
   
  HOME
  DOVE
  SOGGIORNI
  PREZZI
  VINI E DEGUSTAZIONE
  - Rosso di Pollera
  - Bianco di Durella
  PERSONAGGI
  DICONO DI NOI...
  SEGUICI SU
     
  Il podere, termine toscano per indicare una piccola tenuta, il cui significato etimologico sembra riferito ai poggi che esistono in tutte le colline a terrazzate, viene acquistato da nonno "Micheletto", la cui effige baffuta campeggia nella sala degustazione, nel 1898, da un' illustre personaggio pontremolese, Luigi Poletti, poeta e matematico.
Il Poletti proprio quell'anno scriveva un lungo ditirambo elogiante il vino di Oppilo, intitolato "il vino del Soglio". Da qui l'idea di creare il logo che sta sulle bottiglie di vino con l'anno di acquisizione e un trafiletto della lirica.
Esistono comunque tracce più antiche del podere e del paese, come una data sullo spigolo della cantina 153x, e un architrave di sasso sulla quale è incisa una croce bizzantina, presente in sala degustazione.
Il paese di Oppilo era il contado a vigna dei frati benedettini della Pieve di saliceto nel tardo medioevo.
Esiste ancora una fontana con acqua freschissima e leggera, citata in un documento notarile del 16xx come acqua della salute.
Tornando al secolo scorso, significativo è stato l'apporto dei mezzadri fam. Fanti che per oltre cinquant'anni hanno custodito con dedizione vigne, uliveti e fabbricati.
A questo punto mi presento, sono Paola Benelli, attuale conduttrice dell'azienda per parlare, o meglio brindare, a nonno Massimo "bravo padrone" degli anni cinquanta e sessanta, allo zio Luigi che in modo estemporaneo ha creato le prime bottigli edi "riservato agli amici" conquistando un 'ampia cerchia di estimatori, a mia sorella Chiara, l'avvocato, che ha posto le basi dell'azienda attuale e dell'agriturismo.

Un brindisi particolare a mio padre Orazio, vera eminenza grigia, che trasmette a noi e agli ospiti l'amore e la passione per i sapori autentici e per il bello dei nostri posti.
Un brindisi infine a tutti quelli che leggeranno questa scheda, in attesa di poter dar loro il benvenuto.